Come scegliere il condizionatore giusto:scopriamo qualcosa!

L’estate sta arrivando ed il condizionatore è un prodotto molto cercato: tutte le grandi catene di distribuzione sono pronte per offerte e promozioni con prezzi accattivanti.

Ma che differenza c’è tra i modelli inverter e quelli portatili, senza unità esterna? E conviene acquistare un esemplare a risparmio energetico oppure si può optare per quello semplicemente più economico? Diamo un’occhiata a una sorta di raccolta di informazioni e consigli pratici per scoprire come e cosa comprare.

condizionatore

  • Condizionatori split fissi, i tradizionali: sono i più semplici e i più diffusi e si compongono di un elemento interno, montato in modo fisso, che rinfresca l’ambiente e uno esterno che include il compressore.
  • Condizionatori Multi-split: sono identici a un condizionatore split tradizionale con la differenza che sono presenti più elementi interni associati a un unico compressore esterno.
  • Condizionatori portatili monoblocco: sono senza “valigia” ossia senza unità esterna perché necessitano solo di un’apertura verso l’esterno per soffiare via l’aria calda aspirata all’interno dell’ambiente, tramite un tubo che deve essere posizionato in prossimità di una finestra, ad esempio.
  • Condizionatori split portatili: ormai in via d’estinzione, sono composti da due elementi uniti da un tubo nel quale scorre un fluido refrigerante.
  • Condizionatori inverter: non sono una vera e propria categoria a parte visto che possono essere fissi, portatili, single o multi split e così via.

Cosa singnifica quando un condizionatore è inverter? Che può fungere anche da pompa di calore ossia può invertire il proprio circolo passando dal rinfrescare d’estate al riscaldare d’inverno sparando aria calda o fredda all’esterno rispettivamente.

Le pompe di calore consumano mediamente il 67% di energia elettrica in meno rispetto ad un radiatore elettrico. Quando raggiungono la temperatura non si spengono ma continuano a “controllarla” aggiustando di volta in volta così da abbattere ulteriormente i consumi.

Condividi sui Social...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn